Aosta. La città inizia qui

Home

Notizia

Sogni di ruvida pietra alla Collegiata di Sant’Orso

Un omaggio a un grande artigiano che ha dedicato la vita alla scultura della pietra ollare, ma anche alla poesia che resterà nelle sue opere per sempre, anche adesso che ormai anziano non lavora più.
È “Sogni di ruvida pietra”, l’esposizione che il Mav e l’Ivat dedicano a Gino Daguin, alla Collegiata di Sant’Orso (dal 16 ottobre).


Gino Daguin ha sempre lavorato, con entusiasmo e passione, la pietra ollare. Nella sua lunga carriera di scultore ha raccontato la sua realtà, quella della sua gente e quella del suo amato comune, Hône. La sua importante e proficua produzione è resa unica dalla varietà di soggetti trattati e dal realismo narrativo proveniente dall’anima; ogni scultura ha una storia, piccola o grande che sia.

Per oltre 50 anni Daguin ha partecipato al grande appuntamento della Foire de Saint-Ours, luogo di incontro e di confronto per eccellenza nel mondo dell’artigianato valdostano.


L’esposizione 

Inaugurazione venerdì 15 ottobre alle 18: con le sue 130 opere è la storia di un uomo, dei suoi cinquantanni di produzione seguendo alcuni temi che hanno contraddistinto il suo percorso di artigiano: la musica, i santi, le croci, la vita di villaggio, le pipe.

L’esposizione è aperta al pubblico dal 16 ottobre 2021 al 16 maggio 2022 con ingresso libero 13 alle 17, fino al 28 febbraio, e dal 1° marzo al 16 maggio dalle 14 alle 18.

È prevista una visita guidata alle 14.

«La mostra è un focus monografico di un grande vecchio della tradizione – commenta Nurye Donatoni, curatrice dell’esposizione – Gino è una persona speciale, che esprime tradizione e innovazione, entusiasmo e malinconia; un grande artigiano, che ha fatto la storia del nostro artigianato. Come molti artigiani della sua epoca ha raccontato, scolpendo nella pietra, la storia della nostra Valle d’Aosta».

Contatti

Collegiata di Sant’Orso
Via Sant’Orso, 14, 11100 Aosta
Telefono: 0165 262026